Come si fa ad essere più forti in periferia visto che qua in circoscrizione 8 hai preso il 29,15% di voti mentre Fassino il 45,07%?

 

«Io credo che sia il frutto di un lavoro fatto sul territorio, ho iniziato la mia campagna elettorale dicendo che mi sentivo la punta di un iceberg di una serie di bisogni e persone rimasti inascoltate e credo che in questo voto sia emerso proprio questo. Quindi noi come abbiamo fatto in questi anni continueremo ad essere nei mercati con le persone perché è solo dall’ascolto e dalla partecipazione che si capiscono i problemi e si danno soluzioni.»

Quant’è importante la tua presenza qui per poter raccogliere gli ultimi voti?

 

«In realtà facciamo la seconda fase di un tour che avevamo già fatto in questi 8 mesi e quindi è ovvio che dopo questo risultato straordinario c’è più interesse e più curiosità e io sono qui e sarò in giro nei prossimi giorni per cercare di raggiungere le persone sia che non mi hanno votato sia chi non è andato a votare.»

È così che inizia il secondo giorno di tour di Chiara Appendino: speranzosa, piena di fiducia e con la voglia di cambiare la sua città.

Ripercorre quindi lo stesso tipo di tour della campagna elettorale andando in giro per i mercati, ma con peso totalmente diverso. Ben 3 televisioni per Chiara Appendino in questo tour: oggi in Via Vigliani Agorà, domani in Via Porporati Omnibus e lunedì a Porta Palazzo L’aria che tira.

Dopo le interviste Chiara si assenta 20 minuti per un’intervista privata alla Sede Provinciale di Torino della Confederazione Italiana Agricoltori. Nel mentre le persone si fanno sempre più numerose ad aspettarla all’uscita per complimentarsi con lei, chiedere una foto insieme alla candidata sindaca e potersi confrontare sul programma elettorale per quanto riguarda principalmente le voci sicurezza, lavoro e trasporti. Dopo una mezz’ora abbondante riesce finalmente ad entrare nel mercato per iniziare il giro, ma anche lì è sempre pieno di gente che la aspetta.

Una Chiara Appendino disponibilissima e sempre col sorriso per le foto, determinata e concreta per quanto riguarda il suo programma, oltre a tutto ciò non si lascia sfuggire il momento per fare un video di saluto a una signora anziana di cui aveva sentito parlare dalla vicina di questa la quale è riuscita a convincerla a votare Chiara. Ma la gioia nel suo volto è così grande quando sa che la signora ogni volta che la segue in TV esclama sempre “che bella la mia bambina”, così che Chiara spera di poterla vedere di persona.

La neo-mamma non si perde nemmeno l’occasione di giocare con i neonati delle famiglie facendo trasparire con la sua sensibilità il progetto di ricreare una comunità forte nella sua città: perché tutto ciò possa avvenire bisogna partire dall’ascolto delle persone, come dice lei stessa.

Dopo un’ora di giro tra bancarelle, foto e saluti il caldo si fa sentire e colpisce Chiara e subito un signore di una bancarella di salumi e formaggi le viene in aiuto offrendole del prosciutto cotto e una bottiglia d’acqua da un litro e mezzo.

Pausa al bar e di nuovo in pista: nulla ferma Chiara Appendino.